Archivi per il mese di: giugno, 2008

TRENO… in pausa di riassestamento riassestante

Riaffiorano, casualmente,  stralci di versi letti tempo fa, del Pascoli:

 

" Piango, e le dico: Come ho potuto,
dolce mio bene, partir da te?

Piange, e mi dice d’un cenno muto:
come hai potuto? "

 

P.S: questi versi hanno il colore della pioggia scrosciante di questa sera. Ed anche il rumore, se ascolti bene.ico: Come ho potuto,
dolce mio bene, partir da te?
Piange, e mi dice d’un cenno muto: 
Come hai potuto ?
ome ho potuto,
dolce mio beLa bianca mano lascia la spola.
Piango, e le dico: Come ho potuto,
dolce mio bene, partir da te?
Piange, e mi dice d’un cenno muto: 
Come hai potuto ?
ne, partir da te?
 e mi dice d’un cenno muto: 
Cai potuto ?

Annunci

TRENO… in sosta di riassestamento

Ripensavo ad una frase del Gattopardo :" Bisogna che tutto cambi perchè tutto resti uguale". Ma quanto è ironicamente vera; direi persino ridicola nella sua sconcertante verità, essì…tutto uguale. Tutto uguale! Il Gattopardo la usò per un contesto politico-sociale, ma va bene anche per altri, anche per altri contesti.

P.S: Per altri contesti? Per altro contesto, se mai. Con-testo?…con-testa? con-TESTA? …mmmm… senza-testa direi! suvvia… senza capo nè coda, tanto non si distinguerebbe comunque…