TRENO… di assestamento

Avrei voluto riposare un po’ la mente pensando alla sequenza di Fibonacci, ma osservando assorta dalla finestra la pioggia cadere incessante… dovrò orientarmi sui rapporti di proporzione, direttamente o inversamente proporzionale?

Ci vuole un esempio: la crescita dell’erba nell’orto è direttamente proporzionale alla quantità di acqua caduta, per cui, mi domando: con quale ritmo di crescita s’innalzerà rigogliosa l’erbaccia? Quanti millilitri o decilitri d’acqua per centimetro quadrato, o metro quadrato e più, devono cadere perchè l’erba cresca su terreno non concimato, (per mia fortuna!), con una velocità pari a un centimetro ogni mezz’ora? E se spunta un po’ di sole a intervalli fra una scrosciata d’acqua  e l’altra, a intervalli assai minimi ovvio, l’erba cresce più in fretta favorita dai raggi del sole? Non sono un matematico e quindi mi servirà molto tempo per trovare una risposta…

Altra domanda: ma perchè deve piovere sempre?

 P.S: Conclusione dopo lo " scire nefas"… meglio cambiare discorso. Una favoletta? Una a caso ? una a caso: " Il fagiolo magico" ;-)))

Piccola precisazione per passare dal tragico al comico e dal comico al tragico: il taglio dell’erba è di mia unica ed esclusiva competenza:-)

Annunci