TRENO…A TARDA SERA

Chissà se nelle lunghe e lente
ore della sera
così, quasi per indolente sbaglio dei pensieri,
non ti ritroverai a pensare
al vento leggero delle mie parole…

Chissà se mai un sussulto impertinente
non ti riporti a me
cercando invano quel tempo ormai trascorso,
nostro e non più nostro…

Chissà se mai un giorno, a tarda sera,
la tua penna si fermi ai bordi del libro della vita
cercando, per un attimo,
quel tempo che non è più…

Chissà se mai ti chiederai perchè
a tarda sera
senza più me, senza più te,
 le ore, a tarda sera,
danzino in silenzio al ritmo del vento
delle mie afone parole senza eco…

.

P.S: …la danza delle ore in musica…

 

 22.05.2006:- un grazie ed un saluto a tutti coloro che sono transitati da qui…ma il trenino è in un momento di silenzio e di silenzi.                       

 Silenziosamente silente.

"La danza delle ore" in musica è di Ponchielli 🙂 per chi la conosce e per chi la sa postare.

5.06.2006 : mancano quattro giorni ed è passato un mese da questo ultimo post;…potrebbe essere trascorso un giorno, un’ora, un mese, un anno e sarebbe lo stesso tempo, forse… Un tempo che si è fermato, un tempo zero  ( "T con zero"- Calvino), un tempo che non procede in avanti e che non torna indietro, un tempo -1 o un tempo + 1; che tempo sarà quello di adesso? un tempo vissuto o un tempo da vivere, un tempo da attendere o un tempo da rimpiangere? forse nè uno nè l’altro, semplicemente un tempo zero.

Silenziosamente silente.   Un saluto a tutti i passanti e un grazie.


 

 

 

Annunci