TRENO…….O….AUTOMOBILE?

.

E ricordo ancora quel giorno quando mia madre mi si avvicinò e mi disse con voce dal tono basso e pacato, come di un qualcosa già deciso e a cui non potevo controbattere…

"Abbiamo pensato di intestare a te l’automobile, hai da poco preso la patente."

Qualsiasi ragazzo o ragazza sarebbe stato felice di sentirsi dire questo, e senza doverlo neppure richiedere.

Non io. Risposi con un laconico:" Va bene". Non ricordo se deglutii prima o dopo…

Con quelle parole, semplici, brevi, assolute, accettavo le mie responsabilità con me stessa, con la vita, con chi mi stava accanto…  Rito di iniziazione…

Avrei voluto, con tutta me stessa, dire NO, io non la voglio!…non mi interessa!…non fa per me, non mi serve.

Avevo quasi diciannove anni.

Per mio padre, appena operato, ogni giorno era un giorno in più…

.

P.S:…ecco perchè tu delle macchine sai solo riconoscere il colore e il numero delle ruote!…basta che funzioni:-))))

Annunci